presentazione 10 agosto 2017

All’ippodromo del Garigliano siamo arrivati ad uno degli appuntamenti più attesi della riunione, la disputa della finale del Memorial Antonio D’Angelo, XXI Palio dei Comuni, riservata alle femmine di quattro anni ed oltre.


Programma Ufficiale


Di contorno è programmata la TQQ e altre corse qualitative e numerose, insomma un convegno tutto da gustare. Cominciamo la disamina dalla prova che inaugura la serata, un handicap per anziani, affidati ai gentlemen: la scelta ricade sui soggetti posizionati allo start, in particolar modo gli specialisti Sor Bruno, quello meglio posizionato, Obelix Bi che appartiene ad un team velenoso al cianuro, e Tina Gio Winner, rivista in ottimo assetto. Però, tra i penalizzati c’è quel Temple Team che con un po’ di fortuna può giocarsela alla grande. Qualche possibilità di marcatore ce l’hanno anche il velocissimo Lester Piggot e Reraise All In con il direttore Migliaccio.

Nella successiva scenderanno in pista i tre anni, molti dei quali ancora inespressi: ci riserviamo di osservare nei preliminari i due deb di qualità, Vladimir Caf e Vinette del Ronco, e segnaliamo la chance, secondo noi consistente, di Van Ghog Om che dovrebbe essere pronto, dopo una prova di rodaggio. Vesuvio Gar e Visco Jet sembrano invece le principali alternative.

Come terza corsa è programmato un miglio per quattro anni di minima, Urano Gar, eventuali errori a parte, dovrebbe riuscire a disporre degli avversari, Ute del Ronco e Utuss possibili per le piazze; Uragano Pizz è la variabile impazzita, sbaglia sistematicamente ma vi assicuriamo che va forte.

A seguire, assisteremo ad una ulteriore prova per tre anni, in questo caso con valori più definiti: il Verdino Jet dell’ultima uscita sarebbe difficile da battere ma va tenuto conto del fatto che si tratta di un soggetto ancora problematico e senza record sulla distanza. Ci intriga Venale che ha un ottimo feeling con Vincenzo Luongo e caratteristiche da passista.

Passiamo alla quinta corsa che vede al via quattro anni di discreta qualità: se non fa scherzi caratteriali, Urla Jepson difende una chance importante ma si sa, lei è così, un giorno vola ed un altro ti pianta la grana. Chi preferisce un piazzato di quota, può optare per Uraniuss che sembra rodato al punto giusto.

Subito dopo si svolgerà la TQQ, abbinata ad una categoria G sul doppio chilometro: si declassano Tango Bar e Terrible Model, il primo poco convincente nella meccanica, recentemente, ma con sprazzi di velocità degni del suo nome, ed il secondo al rientro da gennaio. Probabilmente, da maggiori garanzie la piazza della regolare Sharon’S Treb, svelta in partenza e più a suo agio in tattica d’attesa.

Dopo i tre non partenti, rimangono solo in sette le femmine partecipanti al Palio dei Comuni, ma siamo sicuri che quelle rimaste sapranno onorare il prestigio della corsa, soprattutto Troja d’Asolo e Super Star Reaf. La femmina di Legati ha la possibilità di sfilare al comando come ha fatto nell’eliminatoria e cercare di reggere l’urto della neo allieva di Bondo che, da par suo, potrebbe fare un bel progresso rispetto al pur eccellente rientro. Davide Di Stefano conosce alla perfezione la figlia di Fantastica Star, con la quale ha vinto Locatelli e Campo di Mirafiori, anche per questo motivo diamo una leggera preferenza alla seconda.

Non andate via che c’è da fare l’ennesimo tentativo con Ribot Gal, questa potrebbe essere la volta buona.



Parola ai Protagonisti…

1° corsa
Giorgio D’Alessandro Jr:
Tatù sembra poco predisposta per la partenza con i nastri alla tedesca. Temple Team è uno specialista di questo tipo di corse ed ha forma considerevole, ci spero molto, da battere Sor Bruno.

2° corsa
Catello Panico:
Van Ghog Sm ha effettuato un rientro non del tutto convincente dal punto di vista della velocità, mentre la meccanica mi è sembrata buona. Con una corsa in più nelle gambe e qualche altra miglioria, credo che possa ben figurare.

3° corsa
Catello Panico:
Urano Gar ha corso una settimana fa, sbagliando quando era al comando, secondo il suo driver perché urtava sotto al sulky. Cercheremo una soluzione a quest’ultimo problema, per il resto il cavallo è pronto per vincere.

4° corsa
Catello Panico:
Nell’impegno del 03.08 Victor Gial non ha reso come doveva perché in difficoltà di meccanica, cercava l’ambio. In seguito sono state apportate modifiche alla ferratura ed è stato infiltrato, per cui mi aspetto che torni allo standard abituale.

5° corsa:
Catello Panico:
Urraco Jet lo segue da vicino Massimo( Finetti, ndr ) al centro di allenamento del Garigliano; è rientrato in modo promettente, per cui adesso dovrebbe venire avanti, anche se temo che sia passato troppo tempo. Può essere una lieta sorpresa.

6° corsa
Catello Panico:
Tango Bar l’ultima volta non ha corso male, il recupero dopo errore iniziale è stato apprezzabile ma c’è da migliorare ancora nella meccanica. Abbiamo lavorato proprio su questo e speriamo di averlo fatto bene.

7° corsa
Vincenzo D’Alessandro Jr:
Per Sonia Jet è stata già un’impresa riuscire a conquistare la finale, così come aveva fatto lo scorso anno. Le favorite sono altre, Super Star Reaf e Troja d’Asolo su tutte, il nostro obiettivo è un piazzamento marginale ed un record.

8° corsa
Catello Panico:
Ribot Gal stava migliorando di corsa in corsa, poi l’ultima volta è stato vittima di un danneggiamento che non gli ha permesso di lottare per la vittoria, quando era ancora tutto in mano al suo interprete. Potrebbe essere la serata giusta.

Emilio Migliaccio
About Emilio Migliaccio 177 Articles
Classe '71, ex driver, dal 2012 è il corrispondente da Napoli per Trotto & Turf. Collabora come opinionista con Ippodromi Partenopei ed Ippodromi Meridionali.