presentazione 12 luglio 2018

Pietro Gubellini torna al Garigliano in sulky agli allievi di Massimo Finetti e Catello Panico, team che sta presentando soggetti in gran spolvero in questo inizio d’estate pontina.


Programma Ufficiale

Cominciamo la consueta disamina dalla prova d’apertura, riservata ai gentlemen: la giocata più semplice può riguardare Ubertosa Jet, piazzata con licenza di vincere. Come principali avversarie vediamo Terra Ok che l’ultima volta ha corso alla grande e Rasa Bax, anch’essa in condizione apprezzabile. La sorpresa potrebbe arrivare da Utopia Grif, soprattutto se dovesse essere sferrata.

La prova successiva concede a Vincent Zs e Gubellini di riscattare la recente prova negativa, condizionata da un errore quando era in nettissimo vantaggio. E’ evidente come il figlio di Gruccione Jet corra contro la rottura. Come alternative scegliamo Viller, da preferire a Varenna Fas e Verdone Jet, poi la rientrante Veba Lb.

Zar Kronos è di fronte ad un altro impegno semplice, quota bassissima, che serve a portare avanti il processo di maturazione. Pensiamo quindi ad un’accoppiata: potrebbe essere la compagna di training Zizan a comandare le operazioni, schema che le consentirebbe di esprimersi al massimo e puntare alla piazza d’onore, ma va detto che, al momento, Zeria di Casei vale qualcosa in più. Dunque l’allievo di Giorginho è la principale alternativa al sauro di Finetti.

La corsa più qualitativa e qualitativa del tardo pomeriggio è il centrale, riservato agli anziani: nonostante gli anni e le tante battaglie sul groppone, siamo ancora per il “nonno“ Miguel Wf che, di recente, ha perso un po’ di sprint, acquisendo però maggior fondo, che gli potrebbe consentire di venire a capo della situazione. Certo, non sarà semplice, Noir d’Ete viene da periodo sfortunato ma non negativo, Serrada Alor potrebbe andare davanti e rendersi intangibile, Ranymede Fas va riscoperto nella nuova versione Vincenzo Tufano – Antonio Di Nardo.

Nell’handicap per anziani proveranno la fuga in avanti Sector, poco trottante ma veloce e capace di correre intorno al 2.30 a percorso netto, e Trivi, alla prima esperienza con i nastri, che l’ultima volta è piaciuto parecchio. Comunque, è Tessitore Jet il cavallo da battere, dopo la prudente prova di rientro dovrebbe essere pronto per emergere.

Affronteranno i nastri anche i tre anni, nella sesta corsa in programma: dovrebbe vincerla in qualsiasi schema Zolder As, l’unica dubbio viene dalla partenza da fermo che affronta per la prima volta. Cercherà di metterlo in difficoltà Zanghi, molto duttile ed in forma, terza cavalla è Zara Bieffe.

In chiusura di convegno saranno impegnati gli allievi: ipotizziamo che i candidati al successo siano almeno tre. Solobarar è rientrato in maniera sufficiente, se migliora un po’ è lui il principale pretendente, anche perché Universal Prayer va forte ma è di gestione difficoltosa e Stormy River Ans non corre da un po’ di tempo. Un gradino sotto, ma non tagliati fuori, sono Uranos del Ronco, sorprendente l’ultima volta, e Samir Alter, al rientro ma con buoni trascorsi.



Parola ai Protagonisti…

1° corsa
Raffaele Palomba:
Saffo Inn Ronco è abituata a correre nelle prime posizioni e la schiena di Tatiana, al via, non è il massimo. Le note positive vengono dal rendimento costante e dal fatto che già in un’altra occasione Abagnale l’ha ben interpretata.

2° corsa
Catello Panico:
Vincent Zs quando sbaglia è soprattutto per motivi caratteriali; in questa circostanza adotteremo un’impostazione diversa che in lavoro ha gradito, dal punto di vista della velocità non ha alcun problema.

3° corsa
Catello Panico:
Zar Kronos sta lentamente migliorando e Gubellini lo interpreta con la consueta bravura. L’unico avversario è il carattere, speriamo continui così. Zizan si esprime al meglio nelle prime posizioni, può fare qualcosa di buono.

4° corsa
Catello Panico:
Miguel Wf quello che fa è tutto in più, sin da puledro ha avuto un rendimento esemplare e anche quando sembrava aver dato il meglio si è ripreso. Il omento attuale è discreto, a svolgimento favorevole può fare la sua figura.

5° corsa:
Catello Panico:
Tessitore Jet quando ha effettuato il rientro non era pronto, adesso dovrebbe venire avanti ed essere in grado di lottare la corsa, anche sfruttando l’adattabilità allo schema e la lestezza iniziale.

6° corsa
Catello Panico:
Zolder As ha perso da Zar Kronos, nei metri finali, l’ultima volta, il che non è poco. L’impressione è che migliori di corsa in corsa, è un buon cavallo e questa volta può puntare al successo. L’unico dubbio la novità della partenza con i nastri.

7° corsa
Filippo Gallo:
Solobarar fisicamente sta meglio di quando ha effettuato il rientro ma lo schema è poco adatto alle sue caratteristiche, dato che preferisce esprimersi davanti. In ogni caso le aspettative non mancano, l’obiettivo rimane la vittoria.

Emilio Migliaccio
About Emilio Migliaccio 177 Articles
Classe '71, ex driver, dal 2012 è il corrispondente da Napoli per Trotto & Turf. Collabora come opinionista con Ippodromi Partenopei ed Ippodromi Meridionali.