presentazione 5 luglio 2022

Dopo l’abbuffata partenopea c’era il rischio di trovare un programma pontino di basso livello, invece all’ippodromo del Garigliano sarà un martedì ricco di motivi d’interesse, a cominciare dall’esordio sulla pista dei due anni: molto bene si è comportato Ertistone Jet, nella qualifica effettuata a Napoli. (© 2022 Emilio Migliaccio – Trotto & Turf )
Anche l’altro rappresentante di casa Squeglia, Edwin, seppur più acerbo del compagno, ha mostrato di avere qualità. Chissà che non possa completarsi l’en plein di scuderia.

A seguire, di scena i gentlemen, i favori vanno a Black Out Pax che cresce di corsa in corsa, tanto da non avere ancora limiti ben definiti. Affidato ad Elena Villani, il figlio di Iglesias, per vincere, non deve far altro che comportarsi come fa abitualmente.

Da questo momento in poi iniziano corse molto equilibrate, oltre che di buon livello. La terza è un handicap per anziani, a resa di metri: forse Braveheart Grif riuscirà a recuperare il gap iniziale ed emergere ma non se la porta da casa. Allo start ci sono parecchi cavalli in forma come Brio Ferm, Big John Lf, Barracuda Gar, Ben Op, insomma un gruppo compatto che cercherà di opporsi all’allievo di Gallo, autore lo scorso anno, proprio sull’anello di Santi Cosma e Damiano, di una prestazione formidabile.

Compatta, aperta a svariate soluzioni la condizionata per femmine di quattro anni: abbiamo pensato a Clever Band Lf che è tornata ad esprimersi compiutamente, un’altra opzione riguarda Cetiz che ha sbagliato solo l’ultima, un’ altra ancora Chere del Ronco, per la quale c’è solo il dubbio della seconda fila che la costringerà a non agire nel preferito percorso di testa. E occhio pure a Cleopatra Caf, l’ultima è più valida di quanto possa sembrare.

A seguire, scenderanno in pista tre anni di buon livello, su distanza selettiva: tutto dipende dalla voglia di correre di Don Peppe, persa per strada negli ultimi mesi. Dovesse ritrovarla, l’erede di Remo Gas avrebbe una consistente possibilità di successo però, alla luce delle ultime, non possiamo far altro che considerarlo una sorpresa. Daiquiri Fi, con forma di scuderia notevole, è cresciuto parecchio di recente, proviamo ad affidarci al portacolori della My Horse ma di soluzioni ipotizzabili ce ne sono svariate, che riguardano, ad esempio, Don Lurio, Dandy Mail, Dafne Amg.

La sesta è anche clou della serata: abbiamo gran stima di Condor Ors, a Capannelle è stato quasi dimenticato nei nastri e quella prova non fa testo. Il figlio di Moses Rob parte velocissimo e sarà a breve sui primi, dove troverà un avversario del livello di Caligola Laser: l’allievo di Gallo è il classico “ francesone “, labile sul cambio di marcia ma dotato di tanto fondo, quando carbura son dolori per tutti. Una bella sfida.

Si conclude con un’affollatissima prova per anziani di categoria G nella quale le punte dovrebbero essere Astro de Gleris, in gran forma, Ambuss, altrettanto e Visone Jet, declassato ma alla ricomparsa.


Programma Ufficiale


analisi delle corse

PRIMA CORSA
Anche al Garigliano è arrivato il tanto atteso giorno dell’esordio dei due anni. Mt 1.600
Ertistone Jet si è qualificato in modo esemplare, non dovrebbe avere grosse difficoltà ad imporsi, anche se con i puledri è meglio non sbilanciarsi. E’ piaciuto anche l’alleato Edwin, seppur meno pronto. La terza scelta se la contendono Erik Star, svelto al via e Esteban Truppo, lento a carburare. Sorprese gli altri tre, tutti veloci in avvio.
2 – 5 – 1 – 7

SECONDA CORSA
Condizionata per cinque e sei anni, indigeni ed esteri, non vincitori di 20mila euro nella carriera. MT 1.600
Black Out Pax non si discute neanche un po’, chiaro favorito. La seconda chance se la giocano Bideale Par, Brina Caf, Boato Clemar e Barolo Grif, l’esperienza di D’Alessandro e Ciccarelli potrebbe fare la differenza. Amico Mio Feg ha volato l’ultima ma il numero lo condiziona, sorprese Balance Mtt ed il veloce Basquiat Vl, rientrato in sordina.
4 – 11 – 2 – 8 – 10 – 7

TERZA CORSA
Condizionata per indigeni di cinque e sei anni, vincitori da 5 a 45mila euro nella carriera. Penalità di 20 metri per i vincitori di 25mila euro in carriera. Partenza con i nastri. Mt 2.100 – 2120
Braveheart Grif può recuperare la penalità? Si ma non è facile, comunque sull’anello pontino ha fatto le sue migliori corse. Hanno una valutazione simile Big John Lf, ottima l’ultima, Brio Ferm e Barracuda Gar, entrambi in forma da tempo. Anche Ben Op sta piacendo parecchio ma alza un filo il tiro, poi i veloci Benedetta Effesse e Aliante Ido.
7 – 2 – 6 – 1 – 4

QUARTA CORSA
Condizionata per femmine, indigene ed estere, di quattro anni vincitrici da 5 a 24mila euro nella carriera. Mt 1.600. Corsa aperta a svariate soluzioni.
Ci affidiamo a Clever Band Lf, in chiaro progresso e ben posizionata. La sua scia può avvantaggiare Cetiz, su distanza più congeniale, poi Cleopatra Caf valida e sfortunata il 21.06. Cavalle come Chere del Ronco, Con te Bella e Cassandra Lg hanno le qualità per lottare la corsa, anche Clitumno Sl se va in posizione. Brutto numero per Cogli l’Attimo.
1 – 7 – 5 – 10 – 2 – 6

QUINTA CORSA
Condizionata per tre anni, indigeni ed esteri, vincitori da 4 a 16mila euro nella carriera. Mt 2.100. Campo molto equilibrato.
Proviamo Daiquiri Fi che potrebbe aver trovato una nuova dimensione, nei confronti del rientrante Don Lurio e di Dandy Mail che può colpire a svolgimento favorevole. Dafne Amg è in gran forma ma il numero non l’aiuta, poi Doctorouge e Delivery Se, quest’ultimo in salita di livello ma molto valido all’ultima. Don Peppe o sbaglia o vince.
4 – 7 – 8 – 9 – 3 – 1

SESTA CORSA
Condizionata per quattro anni, indigeni ed esteri, vincitori da 8 a 38mila euro nella carriera. Penalità di venti metri per i vincitori di 25mila euro nella carriera. Partenza con i nastri. Mt 2.100 – 2120
Il Caligola Laser apprezzato all’ultima perde solo se gli viene male l’uscita dai nastri ma il numero induce all’ottimismo. Condor Ors va molto forte, la partenza di Roma è scandalosa e non fa testo, gira molto sollecito. Crash’Em All è piaciuto giovedì, Cristopher Psr fa sempre la sua parte, poi Carico Op e Cheyenne Gar.
5 – 8 – 4 – 7 – 1

SETTIMA CORSA
Al via anziani, indigeni ed esteri, appartenenti alla categoria G. Mt 1.600
Visone Jet può vincere se già in valida condizione, anche perché può sfilare su Zenigata. Il cavallo più in forma è Astro de Gleris che se rimanesse davanti avrebbe mezza corsa in tasca. Ambuss è in gran forma, ha bisogno di una schiena che lo porti avanti, poi il “ velenoso “ Blue Train, Vain che non ha ancora trovato la condizione migliore e Arabia Jet.
7 – 2 – 10 – 1 – 13 – 4

A riguardo Emilio Migliaccio 221 articoli
Classe '71, ex driver, dal 2012 è il corrispondente da Napoli per Trotto & Turf. Collabora come opinionista con Ippodromi Partenopei ed Ippodromi Meridionali.